Disinfestazione

An. Si. Service, per una disinfestazione efficace, interviene con trattamenti di irrorazione, fumigazione e nebulizzazione, con prodotti specifici a seconda della specie di insetti da combattere, ad esempio mosche o zanzare e mirati ai luoghi da trattare.

La zanzara tigre

La zanzara tigre, Aedes albopictus, è una delle 98 specie di zanzare che hanno colonizzato l’Europa.
Vistosamente tigrata di bianco e nero, è lunga dai 2 ai 10 mm, con i maschi più piccoli di un 20% delle femmine.
Si riconosce perché, a differenza delle altre zanzare, colpisce anche durante il giorno, uomini e animali.
La sua pericolosità dipende dalla grande capacità di adattamento all’ambiente, resistenza ai veleni, sopravvivenza delle uova a siccità e stagione invernale, propensione a riprodursi in quantitativi di acqua molto ridotti, come vasi, sottovasi, fognature otturate, grondaie, recipienti di scarto.
La zanzara tigre ha un limitato raggio d’azione, meno di 200 metri, ma auto, treni e aerei, possono essere un buon mezzo di trasporto.

Le punture della zanzara tigre possono essere veicolo di malattie, come il virus della febbre del Nilo, la febbre gialla, l’encefalite di St. Louis, il dengue, l’agente patogeno della dirofilariasi e chikungunya.

Le cimici del letto

Comunemente si associa la zanzara a qualsiasi puntura ci si ritrovi al risveglio, ma non è così.
La cimice da letto deve la sua volgare denominazione alla preferenza di questo parassita a rifugiarsi nelle immediate vicinanze di letti e divani, o luoghi in cui gli esseri umani riposano.
E’ una parassita che si nutre di sangue, di solito di uomini o animali domestici.
Ha un colorito bruno, tendente al rosso e una dimensione pari a 5–7 mm.
Questi insetti utilizzano un sistema di riproduzione chiamato “inseminazione traumatica”: il maschio ha un pene a forma di stiletto con cui, dopo aver catturato una femmina, pugnala l’esemplare e direttamente nell’addome. Una femmina di cimice da letto arriva a deporre fino a 5 uova al giorno, a seconda della temperatura ambientale.
Ipotizzando una temperatura media di 30º si può dire che in un mese la popolazione di cimici da letto in appartamento, presupponendo che la deposizione di uova sia fatta da un solo esemplare femmina, sarà arrivata ad almeno 37 esemplari.

Dove vivono le cimici da letto e come riconoscerle

La cimice da letto è particolarmente diffusa nelle regioni climatiche temperate quali il Nord America, l’Europa e l’Asia e possono nascondersi in valigie o mobili antichi, non fumigati, provenienti da un viaggio magari esotico.
Una volta penetrata nelle nostre case, la cimici da letto si muove prevalentemente di notte per andare alla ricerca di cibo, mentre di giorno si rifugia in pieghe di materassi, nelle reti, dietro le testate dei letti, di comodini, coperture e tappezzerie, battiscopa.
I rifugi delle cimici da letto sono facilmente riconoscibili per il colore scuro dei loro escrementi che, sottoforma di macchioline brune, si rendono visibili su cuscini, lenzuola e pareti.
Un ulteriore elemento utile nel riconoscimento dell’insetto è il segno lasciato dalla puntura. La particolarità delle punture di cimice da letto è nell’estensione della zona interessata, infatti, il parassita, è solito pungere ripetutamente alla ricerca di un capillare, causando eruzione di più pustole tra loro disallineate.
Come per altri parassiti, la cimice da letto è responsabile della trasmissione di alcune malattie, quali l’epatite B e la febbre Q.

Strumenti utilizzati per la disinfestazione

  • pompe a bassa pressione, a motore o manuali, per l’irrorazione del prodotto in modo mirato.
  • pistole di precisione dosatrici di insetticida in formulazione di gel inodore, ideali per aree delicate come cucine, appartamenti, ospedali e parti elettriche
  • fumigazione con apposite apparecchiature termonebbiogene
  • atomizzatori/nebulizzatori montati su automezzi per le grandi superfici